Immagini

Déjà vu

Il momento più fastidioso è al mattino, quando ritrovo la luce del giorno.

È una risalita lenta e inesorabile, come le prime avvisaglie di un conato di vomito. Esco dal vagone e arrivo in un atrio illuminato al neon, che finisce in uno svincolo di scale mobili e rampe laterali. Qui esito. Il flusso mi risucchia per inerzia verso la fila ben allineata, intasata davanti alla scala mobile; ma qualcosa, un sussulto, all’ultimo mi fa scartare di lato e mi spinge su, a piedi per le scale semideserte.

Continua la lettura di Déjà vu